28 feb 2010

Sospeso il DDL 1865. Accolta dai Presidenti Nazionali la proposta di "Spazi Contemporanei" e di "Amate l'Architettura" per un tavolo tecnico

Sicuramente la maggior parte dei lettori del blog conosce il Disegno di Legge 1865 presentato lo scorso novembre dalla Senatrice Architetto Simona Vicari (e sottoscritto tra gli altri dall'On. Salvatore Cuffaro).
Per chi non avesse invece seguito la vicenda riassumiamo in breve quanto accaduto nelle ultime settimane:
lo sconsiderato disegno di legge recante "disposizioni in materia di competenze professionali dei geometri, dei geometri laureati, dei periti industriali con specializzazione in edilizia e dei periti industriali laureati nelle classi di laurea L-7, L-17, L-21 e L-23" avrebbe esteso le competenze dei geometri alla progettazione architettonica e strutturale in modo a dir poco sconsiderato per edifici fino a 3 piani e 5000 metri cubi.

Ovviamente tra gli Architetti ed Ingegneri d'Italia è nata una rivolta (una volta tanto in modo deciso e fortemente corporativo):
- Il Presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti Arch. Massimo Gallione, il 18 febbraio 2010 ha emanato un comunicato stampa con cui affermava, a nome di tutti gli iscritti una posizione "contraria a qualsiasi provvedimento di modifica e di ampliamento delle competenze professionali realizzato al di fuori di concertazioni e di tavoli tecnici che coinvolgano le professioni interessate e che abbiano l'obiettivo di analizzare in modo adeguato le competenze e le prerogative delle diverse categorie professionali e le conseguenze di tali provvedimenti."
- Su Facebook è nato un gruppo denominato "NO al DDL 1865..." che ad oggi ha quasi 7000 iscritti.
- Più di 100 giovani architetti ed ingegneri catanesi hanno sottoscritto una accorata lettera indirizzata ai Presidenti dei COnsigli Provinciali degli Architetti ed Ingegneri della Provincia di Catania chiedendo una forte iniziativa istituzionale contro il DDL.
- L'Associazione Spazi COntemporanei, insieme al Movimento Amate l'Architettura , per mano dei relativi rappresentanti Arch. Fabrizio Russo e Arch. Marco Alcaro, avevano avviato nelle scorse settimane due azioni:

Leggiamo oggi con piacere su lavoripubblici.it che è avvenuto l'atteso incontro a Palazzo Madama richiesto dai Presidenti delle Consulnte Nazionali degli Architetti ed Ingegneri d'Italia, alla presenza dei vertici nazionali di Geometri e Periti tecnici, al fine di far ritirare il Disegno di Legge che ad oggi risulterebbe quindi sospeso a seguito di una dichiarazione della stessa Senatrice Vicari. Durante l'incontro è stata proposta la costituzione di un tavolo tecnico fra le quattro categorie tecniche che si prefigga di affrontare in maniera organica e complessiva il tema delle competenze professionali nel settore della progettazione e delle prestazioni correlate. Secondo noi, una riforma delle professioni è esattamente ciò che c'è da fare e lo stesso invito avevamo rivolto al Presidente Arch. M. Gallione nella lettera aperta di cui sopra.

Riportiamo di seguito il testo per esteso della news pubblicata sul sito lavoripubblici.it in cui si segnala tra l'altro che la protesta siciliana è partita dalle azioni intraprese anche dalla nostra associazione Spazi Contemporanei:

"Dopo l'opposizione da parte del Consiglio Nazionale degli Architetti (leggi news), arriva un comunicato congiunto da parte dei rappresentanti dei Consigli Nazionali degli Architetti P.P.C. e degli Ingegneri che, riunitisi a Palazzo Madama alla presenza dei presidenti dei Consigli Nazionali dei Geometri, dei Periti industriali, hanno ribadito con fermezza la loro opposizione verso il Ddl 1865, che stravolgerebbe in modo del tutto arbitrario e senza fondamento giustificativo le vigenti competenze professionali.

Architetti e Ingegneri hanno puntato il dito contro il provvedimento, che non prenderebbe atto delle "delle competenze e delle prerogative delle diverse categorie professionali coinvolte, coerenti con gli specifici percorsi formativi, a garanzia della sicurezza dei cittadini, della qualità degli interventi in un territorio di grande complessità morfologica e di forte criticità fisica, e a tutela del paesaggio".

Per tale motivo i rappresentanti di Architetti e Ingegneri hanno ritenuto utile proporre la costituzione di un tavolo fra le quattro categorie tecniche che si prefigga, in tempi rapidi, di affrontare in maniera organica e complessiva il tema delle competenze professionali nel settore della progettazione e delle prestazioni correlate, con l'obiettivo di produrre un documento condiviso.

Segnaliamo, inoltre, la protesta siciliana partita dall'Associazione Spazi contemporanei e il Movimento Amate l'Architettura che hanno presentato una petizione contro il Ddl 1865 ed inviato una lettera ai Presidenti dei Consigli Nazionali degli Architetti, degli Ingegneri e dei Geometri affinché si affronti una volta per tutte il tema della presentazione di una disegno di legge per la riforma/riordino delle professioni e per la qualità dell'Architettura.

testo di Ilenia Cicirello da Newsletter di Lavoripubblici.it

Piano Casa Sicilia: approvati altri tre articoli

Approvati altri tre articoli del ddl sul Piano casa. L'Ars ha votato favorevolmente l'articolo 5 sugli interventi e i controlli da parte dei comuni, l'articolo 10 che prevede la possibilità di realizzare parcheggi sotterranei nelle aree di verde pubblico e l'articolo 11 sulle norme energetiche.
Il Pd aveva chiesto con un emendamento la cancellazione dell'art.10, la l'assemblea con voto segreto (34 a favore e 26 contrari) ha salvato la norma. L'articolo 9 invece è stato soppresso. Il resto del ddl sarà discusso la prossima settimana. Intanto il governo ha presentato alcuni ementamenti che riscrivono gli articoli 2 (modalità e possibilità di ampliamento degli edifici esistenti), 3 (rinnovamento del patrimonio edilizio attraverso demolizione e ricostruzione), 6 (semplificazione e snellimento delle procedure burocratiche) e 7 (misure antisismiche). Questi articoli rivisitati adesso dovranno passare al vaglio dell'Ars
tratto da: Hercole.it

27 feb 2010

Restyling contemporaneo per La Rinascente a Palermo

Nuovo store laRinascente a Palermo nella centralissima Piazza San Domenico.
E’ ipercontemporaneo, lo firmano 4 architetti. Di Flavio Albanese esterni, piano terra e ultimo piano con ristoranti e terrazze. Di Vincent Van Duysen il reparto donna, di Cibic & Partners il piano casa e bambino, di Dordoni lo spazio uomo. 5000 mq su 5 piani in mostra dal 25 febbraio. Moda, design e benessere: tra i brand del Made in Italy e gli internazionali la selezione è curatissima. L’edificio, inedito per il capoluogo siciliano, è un’architettura all’avanguardia vestita di vetri opalini e retroilluminata da Led.


tratto da AT Casa ". testi di Di Mara Bottini Case da Abitare

26 feb 2010

DEBUTTO TRIONFALE DI MUTI AL MET DI NY , MA I MELOMANI NEWYORKESI BOCCIANO IL MINIMALISMO IN SCENA


Fischi per le scene di Herzog & Meuron, gli architetti svizzeri del «nido», il teatro olimpico di Pechino, oltrechè del negozio Prada di Tokyo , fischi per i costumi di Miuccia Prada , più da greco antico che da unno , fischi, infine, per la regia di Pierre Audi, giudicata troppo statica e minimalista (..."less is more" di Mies van der Rohe ) .
Riccardo Muti al suo debutto al Metropolitan Opera di New York con Attila , una delle sue opere verdiane preferite e tradizionalmente tra le piu' gradite dai melomani americani , il maestro napoletano, 68 anni, è stato a lungo applaudito, mentre regia, scene e costumi sono stati bocciati sia dal pubblico sia dalla critica americana .
"Eccellente l'orchestra, ma la produzione non mi convince del tutto…manca qualcosa" commenta pensoso un anziano signore newyorkese .L'effetto per molti è stato addirittura scioccante.
Forse sono ancora in molti a non essere abituati a tanta innovazione e modernità.

A Milo si conclude con successo il ciclo di conferenze "Sinergie per l'Ambiente"









Si è concluso venerdì 26 febbraio con un notevole successo il ciclo di conferenze organizzate nei Comuni di Castelbuono, Ramacca e Milo per sensibilizzare i siciliani sui temi della sostenibilità. Il Parco delle Madonie e il Parco dell’Etna sono state le splendide cornici di “Sinergie per l’ambiente”, ciclo di seminari sulle fonti di energia rinnovabile e sulla gestione dei rifiuti promosso e finanziato dall’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente – Dipartimento Territorio e Ambiente.
L’iniziativa - ideata dalla Graham & Associati in collaborazione con SoLeXP e CoMeSS Consorzio Mediterraneo per lo Sviluppo Sostenibile - è rivolta alle aziende e alle amministrazioni pubbliche del territorio che vogliono confrontarsi con le innovazioni tecnologiche più all’avanguardia nella gestione dei rifiuti e nell’utilizzo di energie rinnovabili, usufruendo anche degli strumenti di finanziamento offerti dal FESR Fondo Europeo di Sviluppo Regionale.
A Milo, durante la conferenza conclusiva, sono intervenuti, oltre al Sindaco di Milo Giuseppe Messina, l'On. Nino Strano e il Sindaco di S. Alfio. Diverse ditte leader in vari settori legati al risparmio energetico ed alla produzone di energia da fonti rinnovabili (mini-eolico, fotovoltaico e illuminazione pubblica a led) hanno illustrato le ultime innovazioni appena sviluppate proponendo nuovi modelli di sviluppo.
Visto il successo della tappa etnea del ciclo di conferenze, il prossimo luglio (dal 16 al 18), il CO.ME.S.S. organizzerà presso i Comuni di Milo e Zafferana Etnea la seconda edizione di Solexp, una vera e propria fiera della sostenibilità in cui saranno esposti prodotti e servizi legati al rispetto dell'ambiente, al consumo consapevole e all'architettura eco-compatibile.

24 feb 2010

LA FINLANDIA SI METTE IN MOSTRA A CATANIA




Dal 5 al 21 marzo il Palazzo della Cultura ospita “Experience…Finland”


Quando il Baltico incontra il Mediterraneo. Il paese europeo che conta 188mila laghi, dalle parole con la doppia k, i cui mille colori dell’aurora boreale accendono la buia notte polare approderà nel blu del tiepido mare siciliano e arricchirà di nuovi spunti la terra del sole e del barocco. Dal 5 al 21 marzo, “Experience…Finland”, farà tappa a Catania, nell’elegante Palazzo della Cultura in via Vittorio Emanuele 121. La Finlandia e la sua cultura saranno al centro di una ricca iniziativa che permetterà al pubblico siciliano un’incursione tra architettura, design, musica e gastronomia. Per la prima volta, nel capoluogo etneo, la patria che ha dato i natali ai celebri architetti Alvar Aalto e Eero Saarinen.
Ideato e curato dall’architetto Arianna Callocchia, promosso e patrocinato dall’Ambasciata di Finlandia in Italia, da Atl (Association of Finnish Architects) di Helsinki, dal Comune di Catania, dal Palazzo della Cultura, dall’Ordine degli Architetti della provincia di Catania e dalla sua Fondazione, da Inarch Sicilia, organizzato a Catania grazie al Comitato scientifico composto dagli architetti Michele Marchese, Adelaide Longhitano, Maurizio Zappalà, l’evento costituisce una preziosa occasione di scambio, di comunicazione interculturale, di contaminazione e confronto tra civiltà, storie e tradizioni diverse. L’evento clou dell’iniziativa sarà la mostra “Architettura contemporanea in Finlandia” che sarà aperta ai visitatori – dopo l’inaugurazione di venerdì 5 marzo alle 19 – da sabato 6 a domenica 21 marzo (da lunedì a sabato ore 9-13 e 15.30-19.30, e domenica ore 9-13).

L’apertura dell’evento sarà preceduta dalla conferenza “Esplorazioni Nordiche”.

Interverranno il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli, l’assessore comunale alla Cultura Fabio Fatuzzo, l’ambasciatore di Finlandia Pauli Mäkelä, i presidenti dell’Ordine e della Fondazione degli Architetti di Catania rispettivamente Luigi Longhitano e Carlotta Reitano, il delegato del presidente per l’Architettura Contemporanea Michele Marchese, la curatrice di “Experience…Finland” Arianna Callocchia e Mikko Summanen, architetto SAFA, partner dello studio K2S Architects Ltd di Helsinki. A moderare sarà Tino Vittorio, docente di storia contemporanea dell’Università di Catania. Una rassegna realizzata attraverso 14 grandi pannelli e un contributo multimediale dei più significativi esempi di architettura urbana, di edifici pubblici per uso commerciale o destinati a scopi sociali, come pure di dimore private, il cui filo conduttore è una concezione dello spazio a misura d’uomo, in cui l’interno è definito e organizzato rispetto all’esterno per soddisfare le esigenze ancestrali, quelle di sempre, e quelle psico-sociali che si evolvono col tempo. Un’architettura che mantiene aperto il dialogo con la natura e crea un contatto costante attraverso la scelta di materiali quale il legno, elemento primordiale del costruire; il vetro, grazie al quale dentro e fuori si mescolano come un tutt’uno, la trasparenza si fa luce. Un’architettura che sussume lo spazio all’uomo restituendogli centralità e fondando un nuovo umanesimo. Che nell’equilibrato incontro di forme, volume e spazio diventa anche esperienza visiva armonica e suggestiva. Diceva Le Corbusier: «L’architettura è un fatto d’arte, un fenomeno che suscita emozione, al di fuori dei problemi di costruzione, al di là di essi. La Costruzione è per tener su: l’Architettura è per commuovere». A conclusione della serata inaugurale “Enjoy…Finland”, per scoprire paesaggi, suoni e sapori: nel portico del Palazzo della Cultura concluderà l’evento un aperitivo con assaggi di alcuni piatti tipici, musica e video proiezioni.

12a tappa di "Comunicare Architettura" al Liceo G. Galilei per la "giornata dell'orientamento"

Giovedì 25 febbraio alle ore 11 si terrà la dodicesima tappa della Mostra itinerante dei
giovani architetti catanesi "Comunicare Architettura"
presso il Liceo Scientifico Galileo Galilei in occasione
della "Giornata dell'orientamento".

19 feb 2010

Da NEW YORK Architizer: il SOCIAL NETWORK degli ARCHITETTI


architizer.com e' una web community e un social network che permetterà agli architetti di interagire tra di loro, presentare i propri lavori e trovare nuovi clienti . Lanciato da Marc Kushner e Matthias Hollwich , due giovani professionisti che hanno creato , nel 2006, lo studio newyorchese Hwkn . In poche settimane sono quasi 600 le iscrizioni al sito , dall’Italia all’Egitto al Canada , e numerosissime le offerte di lavoro pubblicate , dal tirocinio a Pechino al posto da senior designer a Honolulu .
Kushner , 32 anni e studi ad Harvard , ha spiegato che c’e’ un’altra ragione per cui Architzer e’ nato , lo stesso , in fondo , che fa il successo di Facebook : un modo per restare in contatto tra ex compagni .

16 feb 2010

Frana spaventosa a San Fratello e a Vibo Valentia

A volte la natura vince sull'uomo, la spaventosa frana di Vibo Valentia, vista dalla TVE, emittente spagnola, scarsa informazione, invece sui canali italiani....... nel frattempo San Fratello in provincia di Messina rischia di scomparire
video

15 feb 2010

Report _Mostra itinerante giovani architetture catanesi_ Acireale 15-20 dicembre 2009

Il sovrintendente Arch. Gesualdo Campo, in occasione di uno dei Corsi Internazionali di Conservazione e Storia dell’Architettura “Vie del Barocco nella Sicilia sud Orientale”, ad un intervento del pubblico sul barocco acese, rispose: “il vostro è uno dei più antichi e originali esempi di architettura seicentesca, preservatosi al devastante terremoto del 1693”.

A distanza di tempo, la città di Acireale, guarda a questa affermazione riscoprendo, oltre l’amore per l’architettura dei suoi cento campanili, l’interesse verso quello che l’Architettura, anche con l’operato dei molti professionisti locali, propone nell’ambito di questo territorio e non solo.

Già nel 1985, Acireale accolse con entusiasmo la XVIII Rassegna Internazionale d’Arte - Acireale “Elogio dell’ Architettura”, oggi, con medesimo interesse, la cittadinanza a preso parte all’inaugurazione della VII tappa della mostra itinerante “COMUNICARE ARCHITETTURA - giovani architetture catanesi”, organizzata dalla Fondazione dell'Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia Catania in collaborazione con l'Ass. Culturale Spazi Contemporanei, che ha visto come location dell’evento lo spazio del chiostro dell’ex liceo Gulli e Pennisi.



.

Chiaro il messaggio, a cominciare dal Manifesto che il coordinamento porta a conoscenza dei fruitori, dove “Comunicare attraverso l’architettura oggi più che mai è diventata una necessità”, incisive inoltre le dichiarazioni dei protagonisti intervenuti che con le loro riflessioni hanno toccato a 360° alcune questioni sulle quali, addetti ai lavori, gente comune e pubbliche amministrazioni, dovrebbero soffermarsi.



Come non essere d’accordo con quello che i giovani professionisti hanno voluto affermare; tra questi l’Arch. Sebastiano Adragna, ha voluto dare il suo personale contributo alla serata soffermandosi su quello che spesso viene erroneamente definito dalle imprese di costruzione come stile “siciliano”, e che spesso altro non è che una pessima strumentalizzazione per attirare la gente. Gli fanno eco l’Arch. Concetta Falanga, che sposta l’osservazione sul delicato rapporto che l’Architettura ha con il Paesaggio, l’Arch. Giuseppe Scuderi, che ci ricorda come figure quali il “rilevatore”, inevitabile il riferimento ai viaggiatori del “Gran Tour”, assumano una importanza non indifferente per la conoscenza dell’Architettura e dei tessuti storici delle città; e per finire l’Arch. Ivana Sorge, sintetizza benissimo con quale difficoltà oggi ancor più nel nostro territorio sia difficile per noi architetti esprimere la creatività, quando questa è soffocata da un’imperante e deludente speculazione edilizia, a volte unico esempio visibile per possibili committenti.

Tra i visitatori un gruppo di giovani colleghi in visita a catania, guidati dai professori Bugatti e dell’Osso, che hanno espresso il loro apprezzamento per i lavori esposti ed hanno offerto la loro disponibilità per farsi tramite con le loro sedi universitarie per ospitare prossimamente l’evento.



Tra gli intervenuti all’inaugurazione hanno preso la parola, la Prof. Maria Nives Leonardi, in qualità di assessore alla Cultura della Città di Acireale, il Presidente dell'Ordine degli Architetti P.P.C. di Catania Arch. Luigi Longhitano , il Presidente della Fondazione dell'Ordine degli Architetti P.P.C. di Catania Arch. Carlotta Reitano, gli Architetti Fabrizio Russo e Simona Mazzeo, quali delegati per i giovani dell’Ordine, l’Arch. Vincenzo Lauria, presidente dell’associazione ingegneri architetti acesi, il rappresentante della Fondazione degli Ingegneri di Catania, l’Arch. Paola Pennisi, consigliere e vicepresidente pro tempore dell’Ordine degli Architetti di Catania



.L’evento, fermatosi nella Città dal 15 al 20 di Dicembre, cui è stato dato risalto anche dalle testate giornalistiche del territorio siciliano e dalle locali emittenti televisive, e che fa ben sperare in future iniziative che sensibilizzino la nostra realtà locale, a mio modesto vedere ha avuto il merito di porre l’attenzione su due aspetti: da un lato l’indispensabile riconoscimento del ruolo sociale dell’Architettura “Comunicare Architettura significa Comunicare Vita”; dall’altro che l’impegno sia interesse della collettività e del singolo insieme affinché il domani riservi una migliore qualità di vita.


Arch. Sebastian Carlo Greco

Lettera aperta ai Presidenti Nazionali degli Architetti, Ingegneri e Geometri d'Italia





l'Associazione Culturale Spazi Contemporanei e il Movimento Amate l'Architettura, a seguito della presentazione del DDL 1865 e sulla base degli obiettivi comuni già oggetto del protocollo di intesa firmato nel luglio 2009, si sono fatte promotrici di alcune azioni mirate a salvaguardare quel poco che vale oggi l'Architettura in Italia ed a promuovere l'emanazione di una legge di riordino delle professioni che promuova la qualità dell'Architettura come Bene Culturale.
Con questi obiettivi è stata inviata una lettera aperta a tutti e tre i Presidenti dei Consigli Nazionali degli Architetti, degli Ingegneri e dei Geometri afficnhè venga ritirato l'attuale Disegno di Legge 1865 che estende le competenze dei geometri alla progettazione architettonica, strutturale ed urbanistica (!!!). Con la lettera, prendendo spunto dall'assurdo DDL, vengono invitati i vertici dei professionisti italiani a sedersi attorno ad un tavolo per affrontare in modo collaborativo il tema della riforma delle professioni.
N.B. Gli scorsi giorni le due associazioni avevano avviato una raccolta di firme on-line per una petizione contro il DDL 1865 che ha già raccolto più di 480 sottoscrizzioni.
Per leggere il contenuto della lettera aperta clicca sulle immagini o su "read more"

Oggetto: Competenze Professionali Architetti/Ingegneri e Geometri

La recente sentenza della Cassazione n. 19292/2009 ha riacceso il dibattito sulle competenze Professionali tra Architetti/Ingegneri e Geometri. I Consigli Nazionali, da voi diretti, hanno diramato delle circolari dai contenuti contrastanti che hanno alimentato e riaperto polemiche che vanno avanti da decenni.
In questo clima, non certo idilliaco, si inserisce il Disegno di Legge n. 1865 presentato dalla Senatrice Simona Vicari, (ironia della sorte un architetto), che allarga in maniera generosa e sicuramente superficiale le attuali competenze dei Geometri.
Noi crediamo che non sia questo il modo corretto di agire ma riteniamo ormai non più rinviabile il momento di porre fine a inutili polemiche e di mettere mano al riordino delle competenze professionali.
L’Italia è l’unico paese europeo dove esiste un conflitto tra figure professionali che dovrebbero avere un ruolo ben distinto in quanto provengono da un percorso formativo completamente diverso. Ogni manufatto edilizio, dal più semplice al più complesso, dovrebbe essere seguito da architetti, ingegneri e geometri agendo insieme con ruoli ben distinti, (basterebbe studiare l’etimologia delle parole architetto, ingegnere e geometra per comprenderne il ruolo).

Vi invitiamo pertanto a sedervi attorno ad un tavolo, con il massimo spirito di collaborazione, per discutere le problematiche delle competenze e per aggiornare Leggi che regolamentano la professione, (RD n.2537 del 1925 e RD n. 274 del 1929), vecchie, obsolete e non più rapportabili alla società odierna. Provate a immaginare quanto sia cambiata la società dal 1925 ad oggi.
Ci auguriamo che vogliate accogliere il nostro appello nell’interesse di tutti i quasi 500.000 professionisti italiani tra architetti, ingegneri e geometri, ma soprattutto nell’interesse di tutti i cittadini italiani perché il raggiungimento della qualità architettonica è un valore che appartiene alla collettività.

Roma / Catania 15-02-2010

SPAZI CONTEMPORANEI
Architetto Fabrizio Russo
spazicontemporanei@gmail.com

AMATE L’ARCHITETTURA
Architetto Antonio Marco Alcaro
info@amatelarchitettura.com

13 feb 2010

Petizione contro il DDL 1865 per salvaguardare l'Architettura e gli Architetti in Italia


l'Associazione Spazi Contemporanei e il Movimento Amate l'Architettura hanno presentato una petizione contro il Disegno di Legge 1865 che propone l'ampliamento delle competenze ai geometri per la progettazione architettonica, struturale ed il risanamento conservativo (restauro) per edifici fino a 5000 mc (!).

Le due associazioni hanno inoltre inviato una lettera ai Presidenti dei Consigli Nazionali degli Architetti, degli Ingegneri e dei Geometri affinchè si affronti una volta per tutte il tema della presentazione di una disegno di legge per la riforma/riordino delle professioni e per la qualità dell'Architettura.

Per firmare la petizione cliccate sul seguente link:
http://www.petizionionline.it/petizione/per-la-salvaguardia-dellarchitettura-contro-il-ddl-1865/725

leggi il disegno di legge

12 feb 2010

Dal 14 al 19 APRILE SALONE DEL MOBILE DI MILANO: POLEMICHE SU UNA PROPOSTA DI UNA BIENNALE DEL DESIGN A VENEZIA


Come ogni anno in aprile – dal 14 al 19 – nel quartiere fieristico di Rho ritornano i Saloni, conclamati protagonisti internazionali del settore arredo-casa, con le biennali dedicate alla Cucina e al Bagno. E come sempre i Saloni ampliano la propria offerta commerciale con quella culturale, quest’anno particolarmente ricca di eventi disseminati per tutta Milano, a partire dal mese di marzo fino a maggio.
Anche quest’anno i Saloni non mancano all’appuntamento di primavera dedicato a tutti coloro che fanno dell’arredo la loro professione. Ritornano come annuncia la campagna pubblicitaria “The Event is back”,
forti della propria storia e del proprio successo, l’ultimo – quello del 2009 – da record con 313.385 visitatori tra operatori, pubblico e stampa.
Eccezionale anche la quantità di eventi collaterali che
PER IL RESTO DEL POST CLICCA SUL TITOLO

i Saloni quest’anno affiancano alle manifestazioni fieristiche e dedicano a Milano: ben quattro le mostre, incentrate sulla produzione di arredi e complementi, sulla cucina, il bagno e il progetto allestite in otto importanti istituzioni milanesi: dalle storiche Villa Reale e Pinacoteca di Brera alle ottocentesche Case Museo Poldi Pezzoli e Bagatti Valsecchi, dal Planetario donato alla città da Ulrico Hoepli nel 1929 e progettato da Piero Portaluppi come la palazzina di via Jan di Casa Boschi Di Stefano e Villa Necchi Campiglio, gioiello urbano degli anni Trenta, alla contemporanea
Triennale Bovisa.
Le manifestazioni fieristiche da un lato e gli eventi collaterali dall’altro formano un vero e proprio “insediamento”, una “concentrazione” di cultura e di progetto, una vera e propria città, per l’appunto
“La Città dei Saloni”.
Nel quartiere Fiera Milano di Rho dal 14 al 19 aprile saranno dunque 2500 gli espositori che scenderanno
in campo sui 211.500 metri quadrati espositivi dove si svolgerà la 49a edizione del Salone Internazionale
del Mobile con Eurocucina / Salone Internazionale dei Mobili per Cucina e la sua proposta collaterale FTK,
il Salone Internazionale del Bagno, il Salone Internazionale del Complemento d’Arredo e il SaloneSatellite.
Quest’anno la biennale della Cucina occuperà con FTK (Technology for the Kitchen) – la proposta dedicata all’innovazione tecnologica degli elettrodomestici da incasso e alle cappe d’arredo – quattro padiglioni,
il 9, 11, 13 e 15 mentre quella del Bagno avrà due padiglioni dedicati, il 22 e 24.
Funzionale la scelta di compattare il Salone Internazionale del Mobile che presenta il settore Moderno
nella sua globalità nei padiglioni 14-16 e 18-20, in uno dei due edifici biplanari, in diretta contiguità
con gli altri padiglioni del settore creando un percorso unico.
Un’offerta merceologica ampia e di qualità caratterizzerà ogni singola manifestazione dei Saloni: dal Salone Internazionale del Mobile e Salone Internazionale del Complemento d’Arredo che presentano tutte le tipologie di arredo e tutti gli stili a Eurocucina, panoramica completa del settore, e alla sua proposta collaterale FTK;al Salone Internazionale del Bagno, vetrina per eccellenza dell’arredo-bagno.

Per le polemiche sulla proposta di una Biennale del Design a Venezia
http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/10_febbraio_12/milano_che_lavora-1602451146616.shtml

11 feb 2010

Film su Frank Gehry il 12 febbraio al Museo Hofmann


Giorno 12 febbraio presso il Museo Fornace Hofmann in Via Stazione Isolamento (Caltagirone), verrà proiettato un film/documentario sull'Architetto Frank Gehry. La partecipazione è aperta a tutti con un piccolo contributo/aperitivo di 3€.

10 feb 2010

Lettera ai geometri DDL 1865


I geometri fanno squadra e si muovono politicamente a tutti i livelli, come dimostra la lettera rivolta dal Collegio Nazionale dei Geometri agli organi provinciali, in questo sono sicuramente più bravi degli architetti e degli ingegneri.... e noi cosa facciamo??
Invitiamo dunque tutti a contattare i propri politici di riferimento affinchè questa proposta di legge venga rigettata.


09 feb 2010

In esame al Senato un assurdo disegno di legge per estendere le competenze d progettazione architettonica e strutturale ai geometri

Francamente ci sembrava uno scherzo.

Invece è tutto vero!

Un assurdo disegno di Legge (il n° 1865) presentato dall'Arch. Simona Vicari a firma tra gli altri anche del Sen. Salvatore Cuffaro propone di estendere le competenze di progettazione architetonica, di restauro conservativo e di ristrutturazione ai geometri.

Il DDL prevede che ai geometri possa anche essere affidato il calcolo delle strutture in cls armato fino a tre piani e inferiori a 5000 mc. (!).

I gemetri potranno firmare anche piani di lottizzazione fino a 1 ha.


Sarebbe un passo legislativo gravissimo che getterebbe nel baratro più profondo la qualità e la nostra professione conquistata con tanta fatica e sacrificio oltre che l'ultimo schiaffo alla nostra dignità professionale.

SE QUESTA LEGGE DOVESSE ESSERE APPROVATA VORRA' DIRE CHE L'ITALIA HA DEFINITIVMENTE RINUNCIATO ALL'ARCHITETTURA SIA COME DISCIPLINA TECNICO/PROESSIONALE CHE COME BENE CULTURALE.

IN TALE EVENIENZA QUESTO BLOG VERRA' CHIUSO

08 feb 2010

Corso per Tecnici certificatori energetici


Giorno 12 febbraio alle 15.15 presso la sede dell'Ordine degli Architetti di Catania sarà presentato il Corso per Certificatori energetici organizzato dall'Istituto Nazionale di Bio Architettura (I.N.B.Ar. sede di Catania)

Visita al cantiere di Porta Nuova a Milano

Un folto gruppo di Architetti Catanesi (circa 50) hanno visitato lo scorso sabato il cantiere di "Porta Nuova" a Milano grazie ad un programma di visita organizzato dalla Fondazione dell'Ordine degli Architetti di Catania presieduta dall'Arch. Carlotta Reitano e dal Dip. di Architettura Cntemporanea diretto dall'Arch. Michele Marchese. I colleghi catanesi hanno avuto modo di toccare con mano il momento di rilancio e di proiezione al futuro del capoluogo lombardo che punta sull'Architettura contemporanea per riqualificare una vastissima e centralissima area della città con vari interventi curati da vari Architetti tra cui Studio Boeri, Pelli Clarke Pelli, Kohn Pedersen Fox, Andrea CItterio, Caputo, Cino Zucchi etc.
Il Cantiere visitato in particolare è quello di Porta Nuova Garibaldi che rappresenta il nodo dell'intero intervento ed ospiterà 50'000 mq di uffici e 6500 mq di spazi commerciali.

Molto interessante anche l'Info-Point presso il cantiere di Porta Nuova, gestito dalla Fondazione Riccardo Catella, presso cui è esposto il plastico illustrativo dei vari interventi ed è possibile visitare virtualmente tutta l'area del progetto percorrendo il modello 3d di tutta l'area (sia di notte che di giorno) grazie ad una consolle interattiva.
Ciò che si percepisce subito è lo straordinario coordinamento tra gli enti pubblici interessati (Provincia, Comune, Metropolitana e Ferrovie) e gli operatori economici che gestiscono l'operazione che praticamente ridisegna un pezzo di Milano anche dal punto di vista dei collegamenti viari, pedonali, ferroviari e tranviari senza creare grandi disagi alla popolazione grazie ad una buona opera di pianificazione operativa tra i vari cantieri.

A nostro modo di vedere attulmente Milano è una città che crede nell'Architettura Contemporanea più di Roma (vedi le polemiche romane per l'Ara Pacis ed il Maxi e il potenziamento della fiera milanese grazie anch all'intervento di Fuxas); forse ciò le consentirà di raggiungre il primato europeo che si prefigge.
Staremo a vedere...